I nostri ragazzi

Nell'Italia di oggi, due famiglie della borghesia media-benestante, si incontrano una volta al mese in un ristorante di lusso. Ma, durante una di queste serate, la telecamera di sorveglianza riprende i rispettivi figli durante un atto illecito.
    Diretto da: Ivano De Matteo
    Genere: drammatico
    Durata: 92
    Con: Alessandro Gassman, Giovanna Mezzogiorno
    Paese: ITA
    Anno: 2014
5

Il film I nostri ragazzi, ispirato al libro La cena di Herman Koch ed interpretato da Luigi Lo Cascio, Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Gassman e Barbora Bobulova, invita lo spettatore a riflettere su quanto sia volubile l’uomo. Basta poco per cambiare totalmente idea: è sufficiente uno schiocco di dita per smettere di essere “un buon pastore”; per predicare bene e razzolare male. In Gli Equilibristi (2012) – presentato alla 69^ Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia – De Matteo aveva raccontato attraverso le immagini, la paura dell’altrui giudizio e la necessità di sopravvivere dignitosamente in un ambiente borghese. Tematiche presenti anche in questa successiva opera.

nostri1

Due fratelli, un chirurgo pediatra (Luigi Lo Cascio) e un avvocato penalista (Alessandro Gassman) sono due facce della stessa medaglia e lo specchio della società: il primo, dal cuore nobile e dall’onestà intellettuale (apparentemente) indiscutibile; il secondo, pronto a mascherare magagne, abituato a vivere nella menzogna, nel marciume e nella corruzione di un sistema che non risparmia nessuno. Il primo salva le vite; il secondo, talvolta, difende chi le distrugge. Persone che trasmettono ai propri figli principi e valori; quegli stessi atteggiamenti eticamente corretti che si può decidere di non rispettare, di non seguire.

nostri2

Ed è proprio questo il punto: come si comporta l’uomo dinanzi all’errore o all’orrore compiuto dal sangue del proprio sangue? Che reazione ha e che provvedimento prende? Cosa diventa il concetto di giustizia quando la reputazione che si può rovinare per sempre è quella della propria prole? Domande a cui non c’è risposta e forse neanche soluzione. Da un lato lo scetticismo e l’incredulità, dall’altro la necessità di dover affrontare una cruda ed indigesta realtà. Ragione e follia si fondono e confondono, lasciando spazio a una disperazione nera come la pece. In quel buio pesto i ruoli possono scambiarsi: da vittime a carnefici, da prede a cacciatori. Non c’è più alcuna distinzione tra il male e il bene: tra ciò che è lecito e ciò che nessuno mai potrà giustificare o perdonare.

nostri5

La sceneggiatura del film, scritta a quattro mani con Valentina Ferlan, moglie di Ivano De Matteo, è decisamente più brillante di quella de Gli equilibristi. Interessanti e ironici i dialoghi, buone le riprese. La musica suggestiva e i suoni aspri e acuti guidano lo spettatore sin dal principio. L’ovvietà della conclusione e la banalità di alcune scelte impediscono al prodotto di mantenere un livello di tensione – ed attenzione –  sempre alto. Impeccabile la recitazione degli attori; meritevole di plauso Luigi Lo Cascio. Nel film, tutto parte da una vivace litigata tra automobilisti e dall’uccisione di uno dei due. Il cerchio si apre e si chiude: prima e dopo la morte c’è una vita o, semplicemente, una trama.

A proposito dell'autore

Francesca Saveria Cimmino

Nata a Napoli, laureata in Conservazione del beni demo-etno-antropologici, con sotto indirizzo in Musica e Spettacolo. Dall'antropologia al cinema, passando per fotografia e documentarismo, queste le sue passioni e i suoi vizi!