Suite francese

La figlia di Irene Nemirovsky, a 50 anni dalla morte, apre i diari della madre, scopre un fatto accaduto nella Francia degli anni '40, durante la Seconda Guerra Mondiale, in cui una ragazza di nome Lucile Angellier, durante l'attesa delle notizie del marito dal fronte, incontra un ufficiale tedesco. Tra i due si nascerà un fatale legame d'amore.
    Diretto da: Saul Dibb
    Genere: storico
    Durata: 107
    Con: Margot Robbie, Michelle Williams
    Paese: UK, FRA
    Anno: 2014
7.5

La scrittrice ucraina di origine ebrea e adottata dall’élite benestante parigina, Irène Némirovsky, concepiva come summa della sua lunga produzione un’ epopea di cinque libri, prendendo a modello la Quinta di Beethoven, per sciorinare i diversi aspetti  riguardanti l’occupazione nazista in Francia.

120713SH_048.nef

Salvati solo i primi due movimenti, Tempesta in giugno e Dolce, l’intreccio di quest’ultimo funge da tessitura narrativa alla trasposizione per il grande schermo di Suite francese voluta dal britannico Saul Dibb. Cast di lusso, rigorosamente anglofono, che stranamente non infastidisce la resa finale del film, pur essendo una storia francese, composta da una scrittrice francese, che parla di francesi nella Francia della Seconda Guerra Mondiale. Il regista, aiutato dallo sceneggiatore Matt Charman, torna sugli schermi dopo La Duchessa con Keira Knightley, riportando nel nuovo film in costume un’altra figura di donna anticonformista, Lucile Angellier.

200813SH_126.nef

La Lucile di Michelle Williams è straordinaria. L’espressione assente della ragazza, dimessa e sopraffatta dal volere della suocera Kristin Scott Thomas che veste i panni dell’algida vedova Angellier, dimostra le doti di una grande attrice. La Williams, dopo svariate nomination agli Oscar (I segreti di Brokeback Mountain, Blue Valentine, Marilyn) regala una struggente rappresentazione di donna forte dei propri ideali, senza mai scadere nel melò della classica storia d’ amore ai tempi della guerra. Anzi, saranno proprio i suoi sentimenti a liberarla dall’anestesia corrotta della vita in paese, scegliendo di  amare il  “cattivo” anche a costo  di  mettere in pericolo la propria vita, quando la promessa d’amore non varrà più quanto la prospettiva di libertà.

suite5

Il cast tecnico ricompone il team del 2008, con la scenografia di Michael Carlin, i costumi di Michael O’Connor e le musiche composte dallo straordinario emergente Rael Jones, registrate nei prestigiosi Abbey Road Studios di Londra. Musica, ritmo, armonia. Termini musicali prestati al cinema per descrivere l’andamento narrativo della vicenda, con il figura chiave della giovane Angellier a cui ruota intorno lo sfondo bellico, la resistenza e i sentimenti soffocati. Matthias Schoenaerts, il bel tenente Bruno von Falk, è un astro nascente belga, coprotagonista al fianco di  Marion Cotillard in Un sapore di ruggine e ossa, diretto da Jacques Audiard, per cui si aggiudica il il Premio César per la migliore promessa maschile.

120713SH_053.nef

Lo stereotipo del nazista cattivo lo perseguita, ma il compositore, strappato alla sua arte per servire  la patria, mostrerà ben presto la sua indole sensibile e riservata, creando per Lucile l’opus intitolato appunto Suite Francese. La controversia del film e del libro risiede proprio nell’incapacità, o meglio, nella non volontà dell’autrice prima e del regista poi , di dipingere i soldati tedeschi come mostri, ma come uomini a servizio delle proprie idee. Le parole profetiche della Némirovsky, “resistere, attendere, sperare”, chiudono l’opera, come anche la sua breve vita. Il successo clamoroso della sua produzione letteraria data alla stampa nel 2005, rende giustizia al lavoro della scrittrice: l’immortalità della sua parola è stata compiutamente resa per immagini nella grazia del lavoro di Dibb.

A proposito dell'autore

Francesca Solazzo

Età indefinita, una laurea e un master nell' armadio. Laureanda in Scienze dello Spettacolo e cinefila nostalgica. Ama Welles e Hitchcock, la fantascienza degli anni d'oro, il caffè e la pizza. Voleva entrare in una rock band, ma il cinema l' ha distratta. Le piacerebbe fare Colazione con Tiffany.